Breaking news
  1. Barricalla CUS Torino Volley, si dimette il Vice Presidente Davide Belluz
  2. Serie A2 F – BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: sconfitta con Pinerolo
  3. Serie A2 F – Nuovo derby per il Barricalla CUS Torino, al Pala Gianni Asti arriva Pinerolo, Severin: dovremo esprimere il nostro gioco migliore
  4. Serie A2 F – BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: sconfitta con Olbia
  5. Serie A2 F – Il Barricalla CUS Torino in casa contro Olbia per il recupero della nona giornata del girone di andata, Sainz: dovremo avere forza di carattere e cuore per vincere

1 Roneda Vokshi

Nome
Roneda Vokshi
Nazionalità
ita Italia
Posizione
Opposto
Height
1,82
Squadra corrente
Barricalla CUS Torino Volley
Birthday
10/01/1995
Age
26

Opposto classe ’95, atleta e studentessa del Progetto Agon, Roneda Vokshi è una delle bandiere della formazione di volley del Centro Universitario Sportivo torinese, è stata una delle protagoniste della cavalcata trionfale dalla B1. In questi anni Roneda ha trovato la dimensione ideale per la propria formazione in ambito universitario, nello specifico in Giurisprudenza, ma anche in campo sportivo. La sua carriera è iniziata nello Junior Casale dove ha esordito in giovane età in serie B1 e proprio in questa categoria ha iniziato a giocare come opposto. In precedenza aveva ricoperto il ruolo di schiacciatrice/ricevitrice. Nel 2014 è passata al Pinerolo dove ha passato due stagioni prima di approdare nell’annata 2016/2017, quella della storica promozione in A2, al CUS Torino.

Questa la sua gioia per la riconferma: “Sono molto felice di questa riconferma perché il CUS è sempre stato presente ed importante per me. Quando dico che al CUS siamo una vera famiglia è perché penso che sia proprio così. Sara il mio quinto anno in questa società e quello che mi regala questo ambiente è molto difficile da spiegare: affetto, professionalità e crescita quotidiana. Spero di poter continuare a contribuire nel migliore dei modi all’armonia in squadra, con lo staff e con tutti coloro che hanno fatto molti sforzi per permetterci di continuare a sognare. Perché al CUS si può sognare in grande, sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista accademico e sono felicissima di poterlo fare stando a Torino, che ormai considero la mia città“.