Come funziona un impianto di smaltimento di rifiuti speciali all’avanguardia? Come evitare che i rifiuti pericolosi diventino un danno per la collettività? E ancora: da cosa vengono prodotti i rifiuti speciali e come possiamo ridurli? Tutte queste domande e molte altre sono il tema di Porte aperte a Barricalla, la giornata di visita dell’impianto di eccellenza per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non di Collegno, a un passo da Torino, che si tiene il 5 giugno in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente proclamata dalle Nazioni Unite.L’appuntamento è rivolto a tutti coloro che hanno a cuore le tematiche ambientali e vogliono rendersi conto in prima persona di come funziona e come viene gestito un impianto così importante e articolato; condotto da Andrea Vico, giornalista e divulgatore scientifico. L’occasione è particolarmente speciale:l’attuale stato di lavorazione di Barricalla consente di comprendere, in una sola visita, l’intero percorso del ciclo di lavorazione, dalla costruzione dell’invaso (come nel V lotto, visibile al pubblico), passando per le aree in coltivazione cioè in corso di riempimento, per concludere la visita con i lotti terminati e riconvertiti e con il campo fotovoltaico.L’appuntamento inoltre segna l’avvio delle attività per i trent’anni di Barricalla: un anniversario che rimarca l’importanza, oggi più che mai, delle discariche-modello come Barricalla, una delle più importanti garanzie per la conservazione dell’ambiente stesso e la tutela della salute della collettività. Sono previste due visite al mattino riservate alle scuole (9,30 e 11,30) e due al pomeriggio per il pubblico (ore 16 e ore 18). Per entrambe la durata è di circa un’ora. Il ritrovo è nel piazzale interno di Barricalla (Via Brasile 1, Collegno). La prenotazione è indispensabile all’indirizzo “porteaperte@barricalla.com” indicando nome, cognome e comune di residenza e attendendo quindi esplicita conferma, sempre via mail, dell’avvenuta iscrizione. Per le scuole è necessario indicare istituto scolastico, classe e numero degli studenti, oltre che un riferimento di un insegnante. La conferma dell’avvenuta iscrizione è necessaria poichè, trattandosi di un presidio industriale, per ragioni di sicurezza non è possibile superare un tetto massimo di partecipanti, fissato in 70. Il criterio di scelta è stabilito dall’ordine cronologico di prenotazione. Per info: BARRICALLA SpA, Via Brasile 1, 10093 Collegno (TO), Tel. 011 4559898, Fax 011 4559938, E-mail: “porteaperte@barricalla.com”, Sito web: “http://www.barricalla.com”. Seguici su “twitter@barricalla”.

QUALCHE INFORMAZIONE SU BARRICALLA: Barricalla SpA gestisce la principale discarica italiana di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, sita in Collegno, alle porte di Torino, nei pressi dell’ingresso della tangenziale e dell’impianto del gruppo IREN (sorto successivamente). Nasce nel 1984 ed è una società a capitale misto pubblico e privato. Il capitale pubblico per il 30% è detenuto da Finpiemonte Partecipazioni S.p.A., il capitale privato (70%) è suddiviso in egual misura tra Sereco Piemonte S.p.A. e Ambienthesis S.p.A. L’impianto, costruito dopo una attenta valutazione di impatto ambientale (V.I.A.), è operativo dal 1988 e occupa una superficie di circa 150.000 metri quadri, con un volume complessivo di 1.318.000 metri cubi. E’ suddiviso in cinque lotti, due dei quali sono esauriti e sono stati riqualificati in un parco fotovoltaico. L’intera struttura è progettata per garantire la massima affidabilità, con altissimi standard di sicurezza passiva. I rifiuti, dopo rigidi controlli di laboratorio, eseguiti su ogni partita di materiale in ingresso, vengono conferiti in discarica mediante una coltivazione a strati. Raggiunta la capacità massima della vasca si procede alla sua sigillatura idraulica con l’impiego di materiali impermeabili quali argilla ed HDPE (highdensitypolyethylene, polietilene ad alta densità) e alla riqualificazione con terreno agrario e vegetazione autoctona. All’interno e nelle immediate vicinanze dell’impianto è attiva una fitta rete di sensori che permettono un monitoraggio ambientale integrato a suolo, acqua e aria per prevenire ogni forma di contaminazione da parte delle attività della discarica. Dal momento della sua entrata in attività, Barricalla non ha mai generato alcuna emergenza, divenendo anzi un punto di riferimento nella tutela ambientale. Oggi Barricalla grazie ai 4.680 metri quadrati di pannelli fotovoltaici installati sulla cima dei lotti già terminati, Barricalla produce 1,12 GWh di energia elettrica pari al consumo annuo di circa 400 famiglie, con un risparmio di CO2 di 700 tonnellate/anno.