Sta per arrivare il grande giorno, l’esordio in serie A2 femminile del BARRICALLA CUS COLLEGNO VOLLEY, un momento tanto atteso da tutta la realtà cussina; domenica 8 ottobre capitan Gobbo e compagne giocheranno a Soverato, fischio d’inizio alle ore 17,00. Tante le emozioni e le aspettative per questo nuovo campionato da condividere con coach Michele Marchiaro, confermato dopo l’entusiasmante stagione 2016/2017 che ha avuto il culmine con la promozione in A2.

Michele dopo una stagione “perfetta” come è stata quella 2016/2017, cosa ti aspetti da questo esordio in serie A2?
Quello che è successo l’anno scorso è stata un’esperienza unica nel suo genere, probabilmente solo chi l’ha vissuta in prima persona può capire. Quello che siamo riusciti a fare non morirà mai, i valori condivisi rimarranno come base di crescita anche per questa stagione e sono incisi nei nostri cuori. Si parte quindi da qui, cercando di superare insieme le difficoltà che incontreremo, basandoci sempre sull’unità del gruppo. Il messaggio di quest’anno sarà “superare con gioia le difficoltà”.

Ragazze nuove ma anche tante conferme, com’è andato questo primo mese di allenamenti e test match?                                                                                                                                                                                          Su un gruppo già rodato sono stati fatti degli innesti di esperienza come Lanzini, Agostinetto e Pastorello, ma anche delle giovani promettenti come Poser e Schlegel. L’inserimento delle ragazze nuove è andato benissimo, in questo primo mese il gruppo è già diventato molto affiatato e omogeneo, e in palestra si lavora molto bene. Il CUS è una società unica; la volontà etica di riconfermare in blocco il gruppo che ha portato alla promozione porta a lavori di intesa in palestra, al fine di ricreare il feeling perfetto della passata stagione.

Un campionato lungo, possiamo azzardare e cercare di capire quali siano gli obiettivi cussini?
L’obiettivo primario è quello della salvezza. La società si sta strutturando e sicuramente il prossimo anno sarà più semplice lavorare insieme. Come secondo obiettivo quello di non precludersi di poter sognare qualcosa in più; questo campionato sarà spesso poco decifrabile, lavorando quindi bene in palestra potremmo alzare l’asticella dei nostri obiettivi. Questa sarà già una grandissima vittoria.

Esordio in trasferta a Soverato, cosa ti aspetti da questo primo incontro?
La forza d’urto di questo campionato sarà già messa alla prova dalla prima di campionato, con una trasferta difficile dal punto di vista logistico, dal punto di vista ambientale e dal punto di vista della forza tecnica delle nostre avversarie che sono, sulla carta, delle ottime giocatrici. Molte le conosciamo già, abbiamo dei video, anche se il precampionato non è mai troppo attendibile. Ci prepariamo ad una forza d’urto potente e saremo molto compatti nell’affrontarla.