Giornata di forti emozioni, quella di mercoledì, per le ragazze di coach Debora Garnero e coach Michele Dalmasso che hanno raggiunto la finale del Torneo Provinciale Under 14 dopo essersi imposte 1-3 in Gara 2 contro il Lingotto, dopo aver vinto anche Gara 1 presso l’impianto casalingo di via Braccini.
In finale se la dovranno vedere con l’InVolley PuntoZero. Si è trattato di un successo molto importante, sotto diversi punti di vista, frutto del duro lavoro svolto in palestra in questi mesi.
Non era facile dimenticare in così poco tempo la sconfitta in finale di martedì al Carnival Cus contro il San Giorgio Volley Chieri, ma la grande determinazione delle giovani cussine ha permesso loro di giocare un match di alto livello.

Queste le parole al termine del match di una soddisfatta Debora Garnero“Sapevamo di dover affrontare una bella squadra, ma eravamo consapevoli anche delle nostre capacità e dei nostri punti di forza. Dopo la sconfitta di martedì dovevamo dimostrare a noi stessi di essere una squadra competitiva e che con il duro lavoro e la giusta umiltà fosse possibile raggiungere risultati sempre più alti. Non ci aspettavamo di arrivare in finale, ma questo risultato ottenuto è sicuramente l’inizio di un nuovo percorso nel quale attenzione e motivazioni dovranno aumentare sempre più. Il nostro obiettivo a inizio stagione è sempre stato la crescita del gruppo e quella personale di ogni singola atleta. Non neghiamo che puntavamo alla qualificazione regionale e all’ingresso in Final Four, anche se si è trattato di consapevolezze maturate durante il percorso. Da questa finale ci aspettiamo di vivere innanzitutto una bellissima esperienza e di giocare una partita entusiasmante.”

Queste le parole di una delle protagoniste in campo, Elena Carelli“Prima della semi-finale mi sentivo serena, tranquilla, anche se dentro la mia testa cercavo di trovare la giusta concentrazione. Un ruolo fondamentale l’hanno avuto anche tutti quei tamburi che venivano suonati alle mie spalle quando andavo in battuta. Dall’inizio dell’anno ho notato molti cambiamenti, non soltanto dal punto di vista tecnico, ma anche e soprattutto per quanto riguarda la coesione del gruppo. All’inizio della stagione io e altre mie compagne eravamo le nuove arrivate, ma siamo state accolte da subito nel migliore modo possibile e questo atteggiamento propositivo ci ha aiutato molto. Tornando all’aspetto tecnico, a mio giudizio, siamo cresciute molto, ma abbiamo ancora ampi margini di miglioramento. Con il raggiungimento di questa finale abbiamo fatto un grande passo in avanti, acquisendo molta fiducia, ma la strada è ancora lunga. Dovremo affrontare la gara di domenica come se fosse una partita qualunque, senza pensare che ci andremo a giocare il gradino più alto sul podio. Dovremo entrare in campo concentrate e determinate, facendoci forza l’una con l’altra quando saremo in difficoltà.”

Entusiasmo evidente anche nelle parole di Alessia Regoni: “Nonostante i due giorni pieni di attività mi sono sentita carica per affrontare questo match. Prima della gara ero molto agitata e ansiosa, ma durante la partita e grazie all’aiuto di tutta la squadra questa sensazione è scomparsa.
Siamo molto felici del percorso che abbiamo fatto fin qui tutte insieme. Siamo consapevoli che l’InVolley sia una grande squadra, ma penso anche che con l’impegno e aiutandoci l’una con l’altra sapremo imporre il nostro gioco. Siamo contente di avere raggiunto questo risultato e dovremo affrontare il match giocando con serenità, come abbiamo dimostrato di saper fare. Da inizio stagione ho notato molti miglioramenti da parte della squadra, non soltanto tecnici e individuali, ma anche dal punto di vista del legame di amicizia che si è creato tra tutte noi, dentro e fuori dal campo. Il CUS Torino è una grande famiglia e sono felice di essere qui.”

Appuntamento, dunque, per domenica 10 marzo alle ore 17 presso il PalaBlu di Moncalieri.